Il Corpo racconta, vive, pedala: Intervista a Franco Gemelli

Nella settimana di Letteraltura, la classe 5 Turismo del Dalla Chiesa – Spinelli di Omegna ha realizzato un approfondimento sul tema “Il corpo racconta, vive, pedala”. Intervista al Sig. Franco Gemelli, organizzatore della manifestazione turistico-sportiva “Le salite del Vco” e a due membri del team, Valerio Gemelli (curatore del sito web) e Marta Buffoli (responsabile social).

TESTO/DOMANDE

1) Sig Gemelli, ringraziandola per la sua disponibilità, le chiediamo subito come è nata l’idea delle “Salite del VCO”.  Ci può spiegare in cosa consiste il progetto e come è organizzata questa manifestazione?

2) Abbiamo tutti sofferto le restrizioni del lockdown e abbiamo notato come molte persone, dopo le chiusure, abbiano iniziato a fare attività fisica all’aperto … dal vostro osservatorio, avete potuto rilevare un aumento di iscrizioni, un incremento dei percorsi, insomma una crescita degli appassionati di cicloturismo?

3) «Le salite del VCO» rappresenta un evento sportivo, ma anche un’occasione per scoprire e promuovere il nostro magnigico territorio…. Se doveste scegliere tre percorsi imperdibili, i migliori per bellezza e per capacità di emozionare, quali ci segnalereste?

4) Una domanda per Valerio Gemelli, che è stato alunno del nostro Istituto e che si occupa in particolare del sito web: quanto è importante oggi l’impiego del web e dei social media (Instagram, Facebook…) per promuovere un progetto?  Sportivo, turistico, gastronomico…

5) Nell’ambito del festival «LetterAltura» abbiamo appena affrontato la lettura del libro di Donatella Allegro, “E io pedalo”, che parla di bicicletta ed emancipazione femminile… tra i vostri iscritti c’è una percentuale sostanziosa di donne?

6) Sono molti gli stranieri che fanno vacanze intorno ai nostri laghi e amano pedalare… Vorremmo sapere se avete stranieri tra i vostri iscritti… Pensate di poter incrementare la conoscenza dell’attività anche all’estero? Ad esempiuo abbiamo notato che il sito è consultabile solo in italiano…

7) Un settore in grande espansione è quello delle e-bike: ci date un parere su questa novità, che molti guardano con scetticismo, ma che può avvicinare molte persone alla scoperta del territorio, sempre in modo ecologico?

Alcune risposte in sintesi

La manifestazione è nata alla fine degli anni Novanta seguendo lo spunto di un evento analogo organizzato in Svizzera. Dopo uno stop è ripresa nel 2017 e a seguito del lockdown è stata potenziata con procedure nuove (iscrizioni online, sito web accattivante con ciclorubriche, impiego di una app) e aprendo anche ai percorsi in MTB su sentieri idonei.

L’idea di questa manifestazione parte non tanto dallo sport (non c’è volontà di competizione o agonismo) ma dal desiderio di far conoscere il nostro territorio e i suoi paesaggi. Alcuni  percorsi imperdibili: Mottarone, Passo San Giacomo, laghi di Antrona e Chesio, monte Ologno, linea Cadorna del Verbano, alpe Sacchi.

Presenza femminile al 10%, le donne sono poche ma agguerrite, fonte di molti interessanti contributi sui profili social. Tra gli stranieri iscritti, alcuni svizzeri del canton vallese, quest’anno manca la traduzione in inglese/tedesco  del sito per carenza di risorse finanziarie, ma invito alle scuole a collaborare.

L’iniziativa è aperta anche alle e-bike che oggi sono assolutamente accettate, anche perché favoriscono spostamenti nel territorio in modo da goderne la bellezza, sempre in modo ecologico.